About Us

Uno dei nostri sogni é sempre stato quello di viaggiare in lungo e in largo senza avere la pressione di tornare alla routine giornaliera, ma con un senso di libertà assoluto. 

Per questo motivo, abbiamo deciso di lasciare tutto e tutti e partire all'avventura alla scoperta dell'America Latina. 

Dato che questo viaggio é all'insegna della libertà, non vi é un percorso ben definito, questo sarà delineato man mano che avanzeremo, godendoci appieno il tempo e il luogo presente.

LEGGI DI PIÙ...

 

 

 

 

Current Location

Sulle sponde del Lago Atitlan Featured

06 September 2015 593 times

Una delle bellezze naturalistiche del Guatemala è sicuramente il lago Atitlán, il più profondo dell’America Centrale con una profondità massima di 340 metri. Il suo bacino fu originato da un’eruzione vulcanica di 84 mila anni fa; infatti, è attorniato da 3 vulcani, alla base dei quali sono state costruite città e villaggi, per lo più popolati da maya. Uno scrittore britannico Aldous Huxley, per rendere l’idea, lo descrisse come segue: “il lago di Como, mi sembra, tocchi il limite del pittoresco, ma l’Atitlán è come il lago di Como con abbellimenti supplementari di numerosi vulcani immensi. Davvero eccezionale”.

Abbiamo deciso di stabilirci a Panajachel, una cittadina che fa da base per arrivare agli altri villaggi lungo le sponde del lago, con delle barchette come unico mezzo di trasporto. Questa città vive grazie al turismo, data la forte affluenza di turisti. Infatti, vi sono una miriade di negozi di artigianato, hotels, ristoranti e bar.

Troviamo alloggio sempre grazie ad Airbnb, presso un centro culturale chiamato “Casa Cakchikel” (lingua di una popolazione maya) che ha due sole stanze in affitto, ma che ospita una mostra fotografica della storia del luogo e dei suoi abitanti durante il secolo scorso, un ristorante giapponese (questi giapponesi sono ovunque!), e una radio locale al piano superiore. Davvero speciale come luogo, perché questa casa ha un ruolo storico; apparteneva ad una contessa svedese che ospitava visitatori famosi dell’epoca, tra i quali anche il nostro buen amigo Che Guevara di cui c’è una foto nella sala principale. In qualche modo el Che è sempre presente nel nostro viaggio. Al giorno d’oggi questa casa è passata ad un proprietario svizzero, con il quale abbiamo comunicato per prenotare la stanza.

Facciamo la conoscenza del gestore della casa, un uomo proveniente da uno dei villaggi vicini, una persona solare e di cuore di nome Andrés, con il quale ci soffermiamo spesso a conversare sulla vita delle persone che vivono qui, sulla situazione politica e sociale, sull’educazione, e altro. Ci sono parecchi problemi e situazioni difficili in questo paese, ma la positività e grande determinazione con la quale Andrés sta lottando per garantire un futuro migliore ai suoi due figli e ad altre persone vicine a lui, ci dà speranza e ci colpisce dritti al cuore. 

Le elezioni per il nuovo presidente stanno avvenendo proprio oggi (Domenica, 6 settembre) e c’è fermento nell’aria. Una delle cose curiose di questo paese è che il giorno prima delle votazioni, bar e ristoranti hanno il divieto di vendere e servire alcool ai loro clienti. Il motivo é semplice, si vuole che i cittadini votino a mente lucida. Hanno fatto un’eccezione per noi viaggiatori, servendoci del vino in una tazza da caffè.

Abbiamo potuto visitare alcuni villaggi sul lago come San Marcos La Laguna e Santiago de Atitlán, entrambi molto diversi tra loro. Il primo è un paesino particolare, composto da una parte da una “zona hippie” con parecchi centri olistici che offrono terapie alternative di ogni genere, e un’altra dove vive la gente locale. Vista la netta separazione tra gli abitanti, non ci ha entusiasmato molto. Il secondo villaggio è già una città abbastanza grande, abitata da maya con uno stile di vita più tradizionale.

Sono già passati due mesi dalla nostra partenza per quest’avventura; il tempo sembra dilatarsi quando si continua a cambiare luogo e si vedono nuove realtà. Non siamo per niente stufi di viaggiare, anzi, non vediamo l’ora di proseguire verso i prossimi paesi per riuscire a coronare il sogno di arrivare fino alla fine del mondo: Ushuaia!

{flickr album=72157658250802415}

Last modified on Sunday, 06 September 2015 04:51

 

Facebook

SFbBox by enter-logic-seo.gr

VamosAway on Youtube

Flickr Latest Photos

Advertisement

Scroll to Top