About Us

Uno dei nostri sogni é sempre stato quello di viaggiare in lungo e in largo senza avere la pressione di tornare alla routine giornaliera, ma con un senso di libertà assoluto. 

Per questo motivo, abbiamo deciso di lasciare tutto e tutti e partire all'avventura alla scoperta dell'America Latina. 

Dato che questo viaggio é all'insegna della libertà, non vi é un percorso ben definito, questo sarà delineato man mano che avanzeremo, godendoci appieno il tempo e il luogo presente.

LEGGI DI PIÙ...

 

 

 

 

Current Location

Bienvenidos a Guatemala Featured

Diana y Lucas 04 September 2015 700 times

Il viaggio da San Cristobal ad Antigua è stato forse il più massacrante di tutti quelli che abbiamo mai sperimentato fino ad ora… 13 ore di viaggio su strade tortuose e di montagna con due cambi di shuttle e una lunga attesa alla dogana tra il Messico e il Guatemala. Inoltre, come se non bastasse prima di giungere al confine abbiamo assistito ad un blocco stradale da parte di alcuni abitanti di un villaggio che protestavano contro l’attuale presidente del Messico Enrique Peña Nieto. Per potere passare abbiamo dovuto sganciare qualche pesos a testa. Forse in realtà lo scopo di questa azione era quello di racimolare qualche soldo per i loro bisogni primari al villaggio.

Partiti all’alba da San Cristobal, arriviamo a sera inoltrata ad Antigua, una città coloniale con strade acciottolate e antichi edifici in stile spagnolo coloniale. Grazie ad Airbnb, troviamo una camera presso una casa di una coppia giapponese che ha aperto anche un ristorante in città. La loro dimora è davvero spettacolare, molto curata in ogni minimo particolare e molto spaziosa, con un giardino e una terrazza con vista sui vulcani attorno. Che dire, ci sentiamo subito a casa e ne approfittiamo per utilizzare la loro cucina super fornita e finalmente cucinare un po’.

Come nostra abitudine, per poterci ambientare in una nuova destinazione, ci piace leggere sulla storia del paese e i suoi aspetti culturali. Scopriamo che il Guatemala è recentemente uscito da una situazione di guerra civile durata ben 36 anni, ovvero dal 1960 al 1996, in cui avvenne un genocidio di più di 200 mila indigeni maya. Riassumendo in poche righe ciò che avvenne, negli anni ’50 l’allora presidente Jacopo Arbenz fu fatto dimettere con la violenza, perché con la sua politica voleva attuare dei cambiamenti in favore della classe meno abbiente che era assai sfruttata dai latifondisti, oltre che da industrie alimentari del nord America, tra cui la United Fruit Company (diventò Chiquita in seguito) in primis. Dopo la deposizione forzata, il governo USA e la classe dirigente ricca guatemalteca sostennero un governo di fatto militarista che ha cancellato ogni riforma sociale del decennio democratico, facendo quindi scatenare una protesta e rivolta da parte di studenti, contadini e altre persone vicine alla politica di Arbenz, che venne soffocata nel sangue da parte dell’esercito. A causa della repressione da parte dei militari, si formarono gruppi di guerriglieri ispirati alla rivoluzione cubana che però non riuscirono a prendere in mano la situazione, perché l’esercito iniziò a fare uccisioni di massa nei villaggi indigeni senza nessun riguardo per donne, bambini o anziani, temendo per la cosiddetta “sicurezza nazionale” o meglio, in difesa degli interessi economici dei latifondisti e delle multinazionali.

La storia sembra ripetersi in ogni paese che visitiamo e tuttora la situazione in Guatemala non è molto chiara, poiché nell’attuale governo regna ancora molta corruzione. Si respira al momento aria di campagna elettorale, e nei prossimi giorni il popolo sarà chiamato a votare per un nuovo governo. Si spera in un cambio concreto per il bene della gente.

Antigua è molto popolata da stranieri, specialmente da pensionati nordamericani. Grazie a questo tipo di turismo e presenza, si trovano ristoranti e caffè di ogni tipo in cui si sente parlare ogni lingua del mondo o quasi. Alcuni di questi sono stati aperti sempre da nordamericani ed europei, perché a quanto pare sembra essere relativamente semplice in termini di burocrazia fare un business in Guatemala. Infatti alcuni amici francesi che si sono stabiliti ad Antigua e hanno aperto il loro caffè-pasticceria, possono lavorare e risiedere con un visto turistico, dovendolo semplicemente rinnovare ogni 3 mesi.

Topograficamente la città si trova attorniata da 3 grandi vulcani: il più imponente è chiamato “Volcan de Agua” (altezza di 3766 m), chiamato così perché il cratere era pieno d’acqua, il secondo è l’ ”Acatenango” (altezza 3976 m), da molto tempo inattivo e l’ultimo si chiama “Volcan de Fuego” (altezza 3763 m), l’unico vulcano attivo. Purtroppo non abbiamo avuto l’occasione di esplorarli da vicino. Dalla terrazza della casa però abbiamo potuto scorgere della lava che scendeva dal “volcan de fuego”.

Sicuramente Antigua è un ottimo punto di partenza per visitare altri luoghi e regioni circostanti visto che si trova in una posizione centrale e ben collegata con il resto del paese.

{flickr album=72157658163074851}

Last modified on Friday, 04 September 2015 04:21

 

Facebook

SFbBox by enter-logic-seo.gr

VamosAway on Youtube

Flickr Latest Photos

Advertisement

Scroll to Top