About Us

Uno dei nostri sogni é sempre stato quello di viaggiare in lungo e in largo senza avere la pressione di tornare alla routine giornaliera, ma con un senso di libertà assoluto. 

Per questo motivo, abbiamo deciso di lasciare tutto e tutti e partire all'avventura alla scoperta dell'America Latina. 

Dato che questo viaggio é all'insegna della libertà, non vi é un percorso ben definito, questo sarà delineato man mano che avanzeremo, godendoci appieno il tempo e il luogo presente.

LEGGI DI PIÙ...

 

 

 

 

Current Location

I pensionati svizzeri di Nai Yang Featured

Lucas 04 July 2012 943 times

Una di queste sere, non ricordo bene quando, ho deciso di andare in uno dei vari bar situati lungo la stradina che costeggia il mare.

Si può notare che accanto ad un bar o ad un ristorante si trova un’agenzia viaggi, poi accanto all’agenzia, un salone massaggi, e così via all’infinito.

Insomma, la scelta cade su questo bar, perché trasmettono la partita di Federer Roger, lo svizzero.

Seratina “moscia”, come sempre, l’affluenza è quasi nulla, “Black Magic Woman” di Santana in sottofondo. Nessuna black magic woman in giro, ma solo le due cameriere, un ragazzo thai, che gioca a biliardo da solo, un occidentale sui settanta che continua a bere birra e qualche altro turista che va e vien, ma soprattutto  che va.

Ordino la solita Chang, che ha la particolarità di essere molto simile alla Singha, ma con un gradazione alcolica leggermente più alta. Mi faccio portare un paio di “springrolls”, perché bere a stomaco vuoto può avere strani effetti.

Un attimo dopo spunta questa “sciura” bionda, sui sessant’anni, e si capisce subito che è una cliente abituale. Il suo drink è pronto nel giro di pochi secondi. Inizia a parlare in inglese, con questo accento “nordico” – “germanico”, e non smette più! Parla e parla, con chiunque si trovi nei paraggi (quelle due o tre persone, insomma).

Subito dopo compare un altro tizio, anche lui, sessant’anni superati. Va dritto verso la “sciura” bionda, il resto del mondo non esiste. Da come si dirige verso di lei e da come le tocca le spalle, sembra che si conoscano, altrimenti sarebbe stato un tentativo di abbordaggio abbastanza coraggioso.

La partita di Federer è passata in secondo piano, lo spettacolo della “sciura” è più interessante e allegro.

I due iniziano a parlare e il mio orecchio ben allenato, riconosce subito la tipica parlata in “schwitzer dütsch”. Dall’accento capisco subito, che lui è originario di Basilea o del canton Argovia… cosa confermata in seguito.

Vado da loro, mi presento, ci presentiamo, etc., etc., tutto rigorosamente in svizzero tedesco, lingua che adoro… e non scherzo.

Lei si chiama Simone, ma si fa chiamare Simona, mentre lui si chiama Karl, ma si fa chiamare Carlo. Posso farmi chiamare Luca, ma lascio perdere, altrimenti nessuno capisce più nulla.

Simona vive a Nai Yang Beach da 5 anni e aiuta Carlo ad ambientarsi, visto che lui è qui solamente da 3 mesi. Diciamo che non è proprio come vivere a Basilea.

[Nel frattempo sono “partite” un paio di birre].

Da quel che ho capito, Simona ha lasciato definitivamente la Svizzera portandosi i soldi della pensione in Tailandia. Mentre Carlo, deve ancora decidere quale sia la soluzione migliore. Di sicuro se ne starà in Tailandia a bere birra e a guardare tramonti!

Mi spiegano che ci sono almeno altri dieci svizzeri in zona, tutti pensionati. Un’altra decina di pensionati preferiscono passare 6 mesi in Svizzera e 6 mesi a Nai Yang.

Potete facilmente immaginare quanti altri ce ne sono su tutta l’isola di Phuket o sulle altre isole tailandesi. Clima caldo, mare stupendo, cibo sano, e così via.

Continuiamo a parlare e continuiamo a bere allegramente. Ad un certo punto Simona, mi chiede di confermarle la traduzione di alcune note “parolacce” italiane. Carlo cerca di darle una mano, ma con le lingue non se la cava benissimo.

Le birrette e l’alcol si fanno sentire, soprattutto perché non ho fatto una vera e propria cena. Capisco che è meglio salutare i miei due nuovi amici, Simone-Simona e Karl-Carlo.

Do un ultima occhiata allo schermo, Federer batte Malisse al quarto set.

Last modified on Wednesday, 18 March 2015 10:43

 

Facebook

SFbBox by enter-logic-seo.gr

VamosAway on Youtube

Flickr Latest Photos

Advertisement

Scroll to Top