About Us

Uno dei nostri sogni é sempre stato quello di viaggiare in lungo e in largo senza avere la pressione di tornare alla routine giornaliera, ma con un senso di libertà assoluto. 

Per questo motivo, abbiamo deciso di lasciare tutto e tutti e partire all'avventura alla scoperta dell'America Latina. 

Dato che questo viaggio é all'insegna della libertà, non vi é un percorso ben definito, questo sarà delineato man mano che avanzeremo, godendoci appieno il tempo e il luogo presente.

LEGGI DI PIÙ...

 

 

 

 

Current Location

Gnocchi e mate in Uruguay Featured

Diana e Lucas 07 May 2016 810 times

Il Rio de la Plata fa da spartiacque tra Argentina e Uruguay e in una sola ora di traghetto approdiamo al porto di Colonia del Sacramento, cittadina di cui deve il nome al suo passato coloniale portoghese.

A misura d’uomo, Colonia stupisce e ha un certo “charme” di altri tempi con il suo pittoresco centro storico e quell’atmosfera nostalgica che la caratterizza. La presenza di piccoli caffè bohemiennes, ristoranti decorati con gusto e gallerie d’arte rendono Colonia una destinazione attrattiva per chi cerca un angolo senza tempo dove poter riprendere controllo dei propri ritmi naturali e sfuggire per qualche giorno dalla frenesia che comporta la vita moderna da città.  La vista sul fiume che è vasto quasi quanto un mare dà una dimensione ampia dell’orizzonte. È facile perdere il proprio sguardo oltre il fiume, cercando di identificare la costa opposta, ma è talmente vasto che si scorgono solamente piccole imbarcazioni e scie di traghetti che attraversano regolarmente queste acque.

{flickr album=72157667841723591}

Gli uruguaiani parlano in modo molto simile ai loro cugini argentini, ma appaiono più pacati e rilassati. Assidui bevitori di mate, si portano appresso ovunque vadano un thermos di acqua calda e il contenitore apposito da cui sorseggiano questa bevanda. Notiamo perfino che utilizzano uno speciale porta mate in legno che li facilita nel trasporto di questi essenziali elementi della loro vita quotidiana.

Essendo un paese molto più piccolo rispetto ai suoi vicini Argentina e Brasile, in poche ore di bus arriviamo alla sua capitale, Montevideo. La città appare dura e degradata, gli edifici e le strade sono piuttosto malandati e alcuni visi incontrati per strada fanno trasparire difficoltà e chissà, un certo malessere.  La presenza di molti giovani senzatetto e la particolare scena di un padre con i suoi due figli piccoli in cerca di cibo e rovistando in un cassonetto dell’immondizia, ci ha colpiti parecchio. Di certo non ci aspettavamo tale impatto da Montevideo. L’accoglienza è stata però assai positiva: alloggiati in un palazzo fatiscente, abbiamo ricevuto un piatto di gnocchi di benvenuto da parte della vicina, una signora molto simpatica e allegra. Abbiamo sperimentato varie volte in questo viaggio che le persone semplici e umili hanno grande cuore e generosità.

In seguito, abbiamo scoperto che una tradizione uruguaya vuole che gli gnocchi vengano preparati e consumati alla fine di ogni mese. La ragione di questa tradizione stava nella carenza di beni alimentari e con ciò che rimaneva, in attesa della paga mensile, si facevano gli gnocchi, pietanza semplice e facile da creare. In qualsiasi ristorante della città abbiamo infatti notato la speciale offerta di fine mese, gnocchi in tutte le salse!

{flickr album=72157665652763804}

Il nostro soggiorno in questo Paese è durato all’incirca 7 giorni, per cui non possiamo veramente dire di averlo vissuto in profondità. Montevideo non ci ha entusiasmati molto, ma le campagne e le piccole cittadine come Colonia sono invece luoghi tutti da scoprire.

Last modified on Saturday, 07 May 2016 02:33

 

Facebook

SFbBox by enter-logic-seo.gr

VamosAway on Youtube

Flickr Latest Photos

Advertisement

Scroll to Top